Un’isola senza famosi

Dopo aver parlato di Ballando con le stelle, Pupe e secchioni e dell’imminente Unan1mous (stasera su Canale5, ricordatevelo) non potevamo non parlare anche dell’Isola dei famosi 4, soprattutto in merito alle dichiarazione della stessa conduttrice, che sarà ancora Simona Ventura. La Simona nazionale infatti ha parlato per difendere il cast di questa edizione, ritenuti da tanti senza veri famosi. A detta della conduttrice invece questo è il migliore possibile. Ed effettivamente non possiamo dargli torto: il fatto di non avere particolari personalità probabilmente favorirà tutti gli altri, che avranno quindi il giusto spazio. Ma siamo davvero sicuri che non ci sarà un nuovo Pappalardo, una nuova Elia, un nuovo Al Bano? Credo invece che quasi sicuramente i sopracitati avranno un degno erede in questa edizione. L’unico interrogativo è su chi sarà: Ceccherini, Aceto, Chiappucci o qualche altro naufrago?
Comunque la Ventura non ha mancato di far sapere che la Marini “avrebbe dovuta essere onesta dal principio”. Effettivamente dopo tutti i progetti con la conduttrice, a partire dall’Isola sino allo show del sabato sera, e la tanto sbandierata amicizia che aveva portato la show-girl ad essere ospite d’onore sia alla stessa Isola che a Music Farm e Quelli che il calcio, quella di partecipare al principale concorrente del reality, Circus, è stato un vero e proprio passo falso, considerando anche che, stando alle previsioni di un po’ tutti, naufragare alle Hounduras (la nuova location) darà molta più visibilità rispetto al circo della D’Urso. Ma la Marini non era tanto affascinata dai leoni (che a quanto pare non saranno inclusi)?

La Pupa e il Secchione arricchisce il cast

Se c’è un reality che m’intriga davvero poco è questo La pupa e il secchione. Non che sia sbagliato il format, anche se non ho mai visto la versione originale (Beauty and the geek) non credo che sia un’idea brutta, piuttosto l’adattamento che ne farà Mediaset per Italia 1. Insomma, basta vedere gli spot per capire di che pasta sarà fatto il programma: bellone stupide (anche se non è certo una novità per la tv nostrana) e intelligenti brutti, che dovranno cooperare insieme: insomma, il paradiso dei pregiudizi, che si risolverà come una grande portata in giro sia verso le pupe che verso i secchioni. Fino a pochi giorni fa la conduzione era ormai certa per Federica Panicucci che dopo il ritorno in Mediaset non ne ha fatta nessuna giusta (vedi il flop di Comedy Club che ha chiuso dopo una sola puntata) e tentava quindi il riscatto finale. Ma a salvarla dell’ennesimo probabile fallimento ecco arrivare Enrico Papi che, dopo L’Imbroglione, torna su Italia 1 a simboleggiare la categoria dei secchioni, ruolo che, a mio parere, gli si addice proprio poco. Non so, ma per ora questo reality non mi convince neppure un po’, spero di ricredermi, ma mi scoraggio ancora di più quando TgCom scrive come descrizione di alcuni correnti che tizio non ha mai baciato una ragazza, l’altro che è ancora vergine e quello che non è mai andato in discoteca. E poi perchè i secchioni sono tutti maschi e le pupe tutte femmine? Vuol dire che non ci sono donne particolarmente intelligenti o uomini che si basano solo sulla loro bellezza o che forse se sei intelligente non puoi essere bello o viceversa? No, spero di ricredermi il 7 Settembre, ma probabilmente è solo una vana speranza…

Ballando con le stelle: il cast prende forma

Se c’è un reality (o pseudo-reality) che non mi suscita né particolare interesse né particolare odio è proprio Ballando con le stelle: ne ho seguite poche puntate e sinceramente non aspettavo con molta ansia le novità su questa nuova edizione, ma, come sempre, è divertente leggere il cast dei vip (o quasi-vip) che si cimentano in qualcosa a loro totalmente estraneo.
Ed il cast per la terza edizione si conferma molto variegato, alternando concorrenti di particolare spicco ad altri semi-sconosciuti. Vedremo infatti all’opera Fiona May, Eva Grimaldi, Massimiliano Rosolino, Chiara Boni, Antonio Cupo, Sean Kanan, Biagio Izzo, Rodolfo Laganà, Pamela Canassa, Rudy Smaila, Martina Pinto e Sofia Bruscoli, a cui si aggiungeranno poi altri 2 concorrenti (un maschio ed una femmina) ancora sconosciuti, che porteranno il cast a 14 elementi.
Mi sembra giusto anche riservare spazio anche ai ballerini che insegneranno l’arte del ballo ai loro compagni. Questi sono Samuel Peron, Angelo Madonia, Manuel Favilla, Andrea Placidi, Simone di Pasquale, Hildegard Salvatore, Umberto Gaudino, Natalia Titova, Raimondo Todaro, Tina Hoffman, Giada Giacomoni, Elena Coniglio e Samantha Togni.
Questo è tutto e credo che anche questa terza edizione continuerà la linea del ‘squadra che vince non cambia’, portando un’innovazione pari a zero anche per questo terzo anno. Ma se hanno avuto il coraggio di fare una sfida tra campioni dopo appena due edizioni e di riutilizzare il medesimo format per il pattinaggio (Notti sul ghiaccio), certo non si faranno problemi a proseguire ancora così per qualche altra stagione televisiva…

Giorni d’inferno per Cruise

Se il gatto Tom non se la passa bene, anche all’attore Tom (Cruise) la vita non va molto per il verso giusto. Infatti, mentre il mondo chiede a gran voce la verità sulla figlia Suri, due brutte news sono arrivate per lui. Una ieri, quando un sondaggio di Yahoo! lo ha decretato ultimo nella classifica degli amici ideali, superato perfino da Mel Gibson (che certo in The Passion non ha messo in luce la sua simpatia). Altra brutta notizia viene divulgata oggi e consiste nel licenziamento dello stesso Cruise. La Paramount infatti ha dichiarato, al Wall Street Journal, che i suoi ultimi comportamenti hanno reso inevitabile la decisione. Quali siano questi comportamenti non è ancora dato per certo, forse il suo “eccessivo” amore per Katie Holmes, forse l’aver trascurato il lavoro con la nascita della figlia o più probabilmente il mezzo flop segnato da Mission Impossible 3.
Forse però siamo noi a preoccuparci di più per lui, visto che Tom adesso ha l’amore, una (misteriosa?) figlia e, secondo il magazine Forbes, è la star più potente del mondo.

Tom & Jerry censurati

Una notizia che ha fatto il giro del mondo, o almeno dell’Italia, e che non posso non riproporvi. La celeberrima serie animata Tom & Jerry, trasmessa da decine di anni in un po’ tutte le televisioni del mondo e che, nonostante l’età, raccoglie ancora un buon successo su RaiDue, nella sua versione inglese verrà privata di alcune scene che, secondo l’Ofcom (un’ente britannica simile al nostro Moige), non sono accettabili. Le parti incriminate sono quelle in cui si fa uso del fumo ed in particolar modo una in cui il gatto Tom cercando di ammaliare un’altra gatta, si accende una sigaretta.
Insomma, qui si tocca il fondo. A voi ogni commento, anche se certe volte bisognerebbe davvero fermarsi e riflettere su cosa è buono e cosa è cattivo in tv. E sapere che continuando con questo giudizio elimineranno dai palinsesti la Melevisione perchè la strega cattiva vuole far venire il mal di pancia al re facendogli mangiare funghi avvelenati, mentre i tg con scene di guerra fin troppo esplicite saranno considerati programmi educativi: così è la vita, cari visitatori…

Re Spielberg

La rivista Forbes ha pubblicato la lista degli incassi 2005 dei personaggi dello spettacolo e ne ha fatto una classifica. Al decimo posto c’è il produttore Dick Wolf, mentre alla 9, con 60 milioni di euro guadagnati, J.K. Rowling, la creatrice di Harry Potter. Un gradino sopra un altro produttore, Jerry Bruckheimer, mentre alla settima posizione compare Dan Brown, l’autore del best-seller Il Codice Da Vinci. Al sesto posto c’è Tiger Wood, il celebre golfista testimonial di una serie di videogiochi proprio legati al golf ed al suo nome prodotti da EA, mentre alla 5 c’è Jerry Seinfeld, attore americano, e alla 4 Oprah Winfrey, conduttrice televisiva anche lei statunitense. Sul gradino più basso del podio invece c’è il regista George Lucas, con guadagni di 190 milioni. Al secondo posto il dj Howard Stern (240 milioni), mentre al primo posto c’è Steven Sbielberg, con ben 270 milioni di euro. Il regista di E.T. ha infatti entrate pari a più di 500 Euro al minuto. Insomma, nel tempo che avete letto questo post lui ha guadagnato più di 300 Euro, mentre voi dovete fare i conti con la bolletta del telefono…
Questa comunque è la classifica generale:

1. Steven Spilberg
2. Howard Stern
3. George Lucas
4. Oprah Winfrey
5. Jerry Seinfeld
6. Tiger Wood
7. Dan Brown
8. Jerry Bruckheimer
9. J.K. Rowling
10. Dick Wolf

Veline e sport? No, grazie

Apprendo dall’Ansa (www.ansa.it) che secondo uno studio ‘Marketing e tv’ ben il 75% degli appassionati di calcio spera che nella prossima stagione vengono eliminate tutte quelle presenze femminile inutili, che si fanno notare più per la loro presenza che per le loro conoscenze calcistiche. Ovviamente ci sono delle piacevoli eccezioni, vedasi Paola Ferrari e Ilaria d’Amico, che secondo lo stesso studio sono le giornaliste sportive più amate della tv, precedute però da Enrico Varriale. Ma ritornando all’argomento principale, se permettete questo cambiamente dell’opinione pubblico è un segno avanti. Sarà lo scandalo di Vallettopoli, ma qualcosa sta cambiando davvero. Quello che non comprendo è però altro: se davvero l’opinione pubblica è questa, perchè comunque questo fenomeno continua? Insomma, se Striscia la Notizia continua il proprio successo (con alti e bassi) merito è (in buona parte) proprio delle Veline. Se Cultura Moderna (così come Paperissima l’anno passato) miete consensi di pubblico (e non di critica) sarà per la presenza femminile che mai non manca in questi programmi. Mah, misteri del tubo catodico…
Ma il dubbio più atroce è un altro: se dovessero mai sparire dalla tv questa categoria di presenzialiste della televisione, di quanto verrebbe ridotta la durata di Studio Aperto?

Perso il video dello sbarco sulla Luna

Davvero curiosa questa notizia. Ieri sera leggo su TgCom: ‘Sbarco sulla Luna, perso il video’. Vi riporto le parti sostanziali della pagina:

Il governo Usa non trova più la registrazione originale del primo sbarco dell’uomo sulla Luna. E’ stato perso il documento in cui Neil Armostrong pronunciava la frase passata alla storia: “Un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l’umanità”. La notizia è stata data da un portavoce della Nasa.”Lo abbiamo cercato per oltre un anno e non lo abbiamo trovato”, ha detto Hautaloma. I video contenevano anche dati sulla salute degli astronauti e sulle condizioni della navicella spaziale. In tutto, sono 700 le cassette perse della trasmissione dalla missione lunare Apollo, ha aggiunto.

http://www.tgcom.it

Insomma, è stato perso uno dei documenti più importanti della storia mondiale e degli Stati Uniti. Certo ci sono sempre le copie delle trasmissioni televisive che ne hanno parlato, ma come specifica sempre TgCom, queste sono di qualità molto inferiore. Inoltre, quasi a scusarsi, Hautaloma ha dichiarato che probabilmente anche se le cassette verranno ritrovate, non si potranno più vedere, perchè rovinate nel corso degli anni. Una bella storia, insomma, visto anche che il video dell’atterraggio sulla Luna è uno dei più discussi, visto che sono tante le incongruenze che fanno pensare ad un bel montaggio creato allo scopo di fare propaganda a degli Stati Uniti in piena Guerra Fredda…

L’unico linguaggio dell’avanguardia è l’elettronica… basta saperlo e indicarlo… grottesco… PERCHE’?

“L’unico linguaggio dell’avanguardia è l’elettronica… basta saperlo e indicarlo… grottesco… PERCHE’?”… Il mio secondo post non poteva avere certo un titolo meno originale di questo o perlomeno meno corto. Molti di voi però si chiederanno perchè intitolare un articolo così… allora dovete sapere che questo chilometrico insieme di parole non è altro che il titolo di un olio su tela, fatto da Mattia Moreni, nel 1995, di dimensioni 130×130. Tutto ciò dirà poco a molti di voi, ma forse facendovelo vedere lo riconoscerete: è la cover del cd degli Equ, ‘Equ’, ovvero in poche parole l’ultimo mio acquisto musicale.
Esatto, questa parentesi artistica è dovuta proprio per presentarvi questo cd che non è davvero niente male. Certo, non sono un critico musicale e non intendo né diventarlo né imitarlo, ma nel mio blog non posso pensare che non parli di questo gruppo.
Tutto è iniziato quest’estate, quando assisto ad una loro performance. Lo ammetto, prima di quel momento non sapevo chi fossero, o meglio, non li ricordavo, ma fu quel giorno che cominciai a ripercorrerne il loro percorso artistico fino ad arrivare all’acquisto del loro cd di debutto. Quella volta cantarono due canzoni: una era ‘Cecilia’, abbastanza famosa, che avevo sentito qualche volta ma che non ricollegavo certo a loro, l’altra era ‘L’ultima sposa’, l’ultimo loro singolo, che mi colpì soprattutto per il testo divertente. Una volta tornato a casa mi catapultai su internet per conoscere un po’ meglio gli artisti che si erano esibiti, e tra questi pure loro. Andando sul sito ufficiale, http://www.gliequ.com, e andando nella sezione multimedia trovai il download di due video, tra cui ‘La Creazione’. Questa canzone, lanciata l’estate del 2005, la conoscevo eccome, l’avevo sentita più volte alla radio e mi piaceva parecchio, ma col tempo l’avevo incredibilmente rimossa. Insomma, mi trovavo con il titolo di una canzone, che sapevo mi piacesse, ma di cui non mi ricordavo la melodia. Per di più credo che in tutta la canzone non si faccia il minimo accenno alla parola ‘creazione’, quindi la mia situazione era ancora più difficile da risolvere. Ovviamente con il mio internet a 56k non mi è passato neppure per la mente di provarla a scaricarla, quindi sono andato su Imusic, http://www.imusic.it, il portale Wind che vende musica digitale ed ho ascoltato quei 30 secondi che fanno sentire gratis. A quel punto tutto è stato chiaro: in mente mi è tornato il mitico ritornello ‘Ieri dov’eri? Ieri dov’eri? Ieri a quest’ora non eri con me’ e ho chiesto a dei miei parenti con l’ADSL di scaricarmi il video. Morale: da quel giorno ho guardato un casino di volte quel video. Nel frattempo alternavo a questo ascolto anche quello dei 30 secondi di Imusic di ‘Cecilia’ e ‘L’ultima sposa’. Alla fine mi sono deciso: avevo già visto questo cd in un negozio e mi ero promesso di comprarlo quando ci fossi tornato. Questo fatto è avvenuto il 12 Agosto e da allora il cd è uno di quelli che ascolto di più. Oltretutto ho scopero che gli Equ hanno partecipato a San Remo l’anno passato nella categoria Giovani, anche se purtroppo non sono arrivati nelle fasi finali, con ‘L’idea’, una canzone che ha ottenuto un buon successo. Nella loro biografia ho anche appreso che hanno partecipato anche alla trasmissione ‘Il senso della vita’ di Bonolis, dove si sono esibiti con Emozioni Bianche. Inoltre il video de ‘La Creazione’ ha vinto il premio come miglior videoclip indipendente nella categoria miglior fotografia da Audiocoop. Il resto della biografia lo trovate al link http://www.maccaja.it/equ/biografia.asp.

Altri link utili sono http://www.gliequ.it, http://www.gliequ.com, http://www.maccaja.it