Un pò di coerenza almeno…

* Attenzione: ogni riferimento ad altri blog, hosting e affini è dovuto al fatto che questo post era originariamente hostato su ProjectGo, uno dei miei precedenti blog, e solo successivamente inserito su .maxxeo *

Un po’ ci sono rimasto male che il primo commento post rinascita di ProjectGo sia stato uno di spam. Se l’ultimo commento te l’ha scritto Leetah, poi ti aspetti chissà quale altra blogo-star. E invece se un ragazzo che si firma con nome e cognome (chissà se sono veri, poi…) per il semplice fatto di informarmi dell’allegro musical dark, mi dispiace ma il commento è eliminato. Mi dispiace anche se ti sei fatto un mazzo così per creare un testo con più di 2000 caratteri che possa essere adattato a più post. Mi dispiace se per te è stato umiliante lodarmi dicento che so di cosa stai parlando. Sorry, non lo so, e sinceramente ad oggi non mi interessa. E mi dispiace anche se hai fatto fare al mio counter un +1, perchè io sul tuo sito/blog/quel che è, non ci sono stato. E comunque non mi venire a dire che l’opera del caro Richard c’entra qualcosa con il mio post sull’iPod. Sorry.

Annunci

iWish

Devo farlo. E forse ce la farò. Devo prendermi il mio primo iPod, possibilmente nella sua stilosissima versione Nano. Il caro Zen Nano Plus, dopo un anno e mezzo di onorata carriera, sta perdendo pezzi: prima il coperchio della batteria, ora il tasto per alzare il volume fa le bizze. E ad oggi, come un anno e mezzo fa, sto riprendendo in considerazione l’ipotesi Nano. Tutto sembra contro questo acquisto (sconsiderato?): per prima cosa l’imminente arrivo dell’iPhone, che comunque prima di qualche anno non mi potrò permettere, secondo l’impossibilità di riprodurre i video e terzo la fragilità. Insomma, tutto andrebbe verso il più economico Zen V Plus, piccolino anch’esso, stiloso anch’esso, con la possibilità di leggere i video e anche più economico. Eppure il piccolino continua ad attrarmi: qui viene sfatato il luogo comune della fragilità e soprattutto l’accoppiata con iTunes e la disponibilità immensa di accessori sono tutti buoni motivi per meditare, meditare e ancora meditare. Eppure ho paura di pentirmi di non poter vedere i video. Anche se in fondo il mio cellulare lo sa fare…