Ma che tristezza…

… non ne posso più di passare il tempo a studiare, perdipiù sempre le stesse tre cose.

… Bill Kaulitz non tira più e dopo il picco di visitatori di Sabato, ieri sono arrivati solo 123 anime. Minimo risultato da un paio di settimane a questa parte.

… ieri doveva esserci Heroes: mi pareva strano che una volta tanto che riesco a seguire un serial non venga troncato all’improvviso.

… ho organizzato i feed con Google Reader e praticamente non c’ho più niente da fare: è come se navigasse lui al posto mio!

… ore 17.25 e fuori è buio.

Annunci

Finale sofferto per Heroes

O forse sarebbe meglio dire save Heroes. Da queste parti era in cantiere un bel post su Heroes e relativi dati auditel in previsione del gran finale che sarebbe dovuto arrivare con gli ultimi quattro episodi, in onda questa e la prossima Domenica. Il condizionale è però d’obbligo perchè, come d’usanza, Italia1 ha pensato bene prima di interromperne la messa in onda, salvo poi relegarlo (follemente?) alla seconda serata del mercoledì, a partire dal prossimo 7 Novembre, mettendo in seria discussione l’arrivo italiano della seconda serie. Qui trovate una petizione a sostegno di Heroes e, manco a dirlo, contro le discutibili politiche di Italia1.

Falling Down (Duran Duran)

Secondo le mie, del tutto particolari, etichette, Falling Down è un singolo decisamente autunno-invernale. Uscito in radio quasi un mese fa (era il 28 settembre) e nei negozi da Venerdì prossimo, anticipa il tredicesimo album della band, Red Carpet Massacre, ed è prodotto da Justin Timberlake, che ha composto e portato agli studi dell’etichetta musicale la canzone in soli tre giorni. Falling Down è stata una richiesta dello stesso frontman della band, Simon LeBon, che per chiudere l’album voleva una canzone alla What goes around comes around. Di seguito il testo:

Once was a man who consumed his place and time / He thought nothing could touch him / But here and now it’s a different storyline /Like the straw he is clutching

Why has the sky turned grey / Hard to my face and cold on my shoulder / And why has my life gone astray / Scarred by disgrace I know that its over

Because I’m falling down / With people standing round / But before I hit the ground / Is there time / Could I find someone out there to help me?

Howl at the wind rushing past my lonely head / Caught inside its own motion / How I wish it was somebody else instead / Howling at all this corrosion

Why did the luck run dry / Laugh in my face so pleased to desert me / Why do the cruel barbs fly? / Now when disgrace can no longer hurt me

Because I’m falling down / With people standing round / But before I hit the ground / Is there time / Could I find someone out there to help me?

Because I’m falling down / With people standing round / But before I hit the ground / Is there time / Could I find someone out there to help me? / I don’t know…. Why…

Windows Live Writer per il supporto ai blogger

Non è certo un segreto che Microsoft sia sempre stata piuttosto chiusa, e con chiusa intendo che se vuoi qualcosa devi stare alla sua legge, e d’altronde con la posizione che occupa sarebbe difficile il contrario. Infatti pure Apple con il suo iPod e soprattutto iTunes ha tentato la strada dell’esclusività, dovendo però sottostare al predominio (più o meno giustificabile) dell’azienda di Bill Gates. Che qualcosa sia però cambiato è perlomeno auspicabile: un piccolo segnale potrebbe, e sottolineo il potrebbe, arrivare con questo nuovo software, per ora distribuito in beta da Microsoft, che strizza l’occhio ai blogger. Windows Live Writer è infatti un’applicazione che permette la scrittura di post off e online, decisamente comoda per chi non ha una connessione sempre disponibile. Particolarmente versatile, ed è qui che si veda questa nuova tendenza, in quanta non limita il servizio agli Spaces Live di MSN, ma si adatta bene a tutti i blog, con un riconoscimento automicatico e una conseguente facilità di configurazione. Valore aggiunto a WLW è la possibilità di fare la cosiddetta anteprima web: alla prima installazione, e tutte le volte che cambierete l’aspetto del blog, Writer analizzerà l’aspetto grafico del vostro diario per poi riproporlo, anche offline, con il vostro nuovo post. Una caratteristica senza dubbio non essenziale, ma parecchio utile quando si cerca la migliore impaginazione possibile per un post.

Continua a leggere

God save Bill Kaulitz (and Bill Kaulitz save the bloggers)

C’era una volta una band pop chiamata Tokio Hotel. C’era una volta un blogger imberbe chiamato Maxxeo. C’era, il 5 Luglio, un post che accostava in maniera ironica il cantante del gruppo ad il più carismatico Sonic, porcospino di ludica importanza. Nel frattempo ci sono state 389 visite in quattro giorni (92 Mercoledì, 116 Giovedì, 91 Venerdì e 90 ieri) provenienti tutti da motori di ricerca che chiedevano a gran voce la stesse cosa: Bill Kaulitz, ovviamente tutto minuscolo perchè, si sa, la grammatica carampana è tutta k e vocali; le altre visite, invece, derivano da chiavi altrettanto originali come tokyo hotel, tom kaulitz, foto bill kaulitz. Non so se tutto questo deve inquietarmi o farmi piacere, fatto sta che un’orda di 400 carampane dei Tokio Hotel mi fa piuttosto paura…

, , , , , ,

Post Tumblreggiante

Un po’ di considerazioni sparse relative alla giornata di oggi:

:: E’ vero che d’estate c’è il sole, non si hanno impegni e non si fa niente dalla mattina alla sera, ma l’autunno (e pure l’inverno) è decisamente meglio. Basti sentire

:: Mai prendere decisione definitive: quello che oggi è il tuo nemico domani potrebbe essere tuo amico. E questo dovrei tenerlo sempre a mente.

:: E’ dannatamente divertente sapere cosa dicono di te gli altri, soprattutto perchè dopo ti senti meno in colpa quando sparli di loro. 😉

, ,

Sono ancora vivo. O almeno credo.

Uno, due, tre prova. Il passaggio a WordPress è funzionato senza particolari intoppi, 133 visite solo ieri ed un (preoccupante?) 98% dei visitatori da Nessuna Provenienza. Per ora nessun nuovo post, ringrazio il cielo se ho giusto il tempo di passare qui a fare un paio di saluti e a non lasciare morire un blog appena aperto, ma spero almeno dalla prossima settimana di poter ricominciare al meglio, anche perchè gli argomenti non mi mancano certo.