Manga superano Comics (e Disney ne approfitta)

La notizia è balzata in prima pagina solo ieri, ma non stupisce certo leggere che i manga stiano raccogliendo sempre più successo, tanto da sorpassare negli USA i ben più classici comics. Per gli ormai pochi che non lo sapessero, con il termine manga si intendono generalmente tutti i fumetti prodotti in Giappone (questa regola vale però solo al di fuori del Sol Levante, dove invece tutti i fumetti vengono chiamati manga), caratterizzati dalla lettura all’orientale procedente da destra verso sinistra.

La rivista Wired ha infatti stimato che negli ultimi quattro anni le vendite statunitensi dei manga siano triplicate, merito soprattutto di veri e propri best seller del fumetto quali Naruto e Death Note. E anche nel resto dell’Occidente la tendenza è la medesima: in Francia (secondo mercato mondiale del settore) il 22% delle pubblicazioni di ogni tipo sono di origine giapponese e pure in Italia, roccaforte Disney e Bonelli, il 58% dei fumetti pubblicati sono manga.

Per far fronte a questi aumenti, la Disney ha pensato di re-inventare i suoi personaggi in una veste orientale per la nuova collana Disney Manga, partendo con Kingdom Hearts, quattro volumi tratti dall’omonima serie videoludica (già famosa per essere una sorta di crossover tra Final Fantasy e i classici personaggi Disney), per seguire con W.I.T.C.H. (tratto dall’omonimo fumetto che già strizzava l’occhio allo stile giapponese), Lilo & Stich, Mosters INC. e Finding Nemo (da notare la scelta di mantenere i nomi originali anziché adottare la traduzione italiana). Il primo manga Disney è uscito il 10 Febbraio (3,90€), seppur tra qualche critica, come la scelta di non voler adottare la lettura orientale.

Annunci