Rai 4: Di tutto di più

Ebbene sì, parte stasera uno dei progetti più interessanti di Mamma Rai: Rai 4 comincerà le sue trasmissioni stasera. Nelle intenzioni del direttore, Carlo Freccero, il nuovo canale punterà al target 15-35, decisamente più giovane di quanto non lo sia quello degli altri tre generalisti: gli ingredienti principali saranno film e telefilm cult, internet e backstage dei reality. Wow. Di solito questi progetti nascono, crescono, ma soprattutto muiono nell’indifferenza totale. E qualcuno dovrà pure spiegare la differenza tra la defunta Rai Futura e questa Rai 4, a parte il voler trasmetterlo solo su Digitale Terrestre, oltretutto sul Mux A, che copre meno del 70% dei capoluoghi di provincia. E parlo solo di capoluoghi, quindi nessuna garanzia per chi abita in altre città, paesi o frazioni circostanti, eh.

Annunci

4 thoughts on “Rai 4: Di tutto di più

  1. Se il Mux A è un trasmettitore, credo proprio di essere fuori zona visto che rai 1,2,3, sul digitale non le ricevo, nemmeno la nuovissima rai 4, che se prende la scia di rai futura siamo abbastanza presi male (anche se i conduttori erano simpatici 😀 ).
    Non mi riesco però a spiegare, come il mio DTT riceva rai sport, news e education, mentre dei canali rai “tradizionali” non c’è traccia…

  2. Rai Futura si salvava giusto per la sperimentazione che faceva: con un budget limitato erano riusciti a inventare qualche programma divertente e interessante. A quanto pare, il problema era degli ascolti.

I commenti sono chiusi.