Quelli della pausa pranzo

Per essere inutile, è inutile. Ma è anche sorprendentemente divertente: sono diventato ufficialmente un Lunchtimers addicted. Si tratta di giochini in piena filosofia 2.0 da giocare online con perfetti sconosciuti: quello più sensato è un puzzle da realizzare in cooperativa (tanti più giocatori quanta più alta è la difficolta), ma quelli più fuori di testa sono quelli senza un vero obiettivo. Un esempio? Lo screenshot sopra parla chiaro: una lavagnetta su cui attaccare lettere magnetiche. Tutti possono spostare tutto, quindi, se all’inizio prevale la voglia di scrivere qualcosa di senso compiuto, spesso il vero scopo diventa distruggere le frasi degli altri: manco a dirlo, un gioco magnetico (che battuta squallida :mrgreen: ).

Annunci

5 thoughts on “Quelli della pausa pranzo

  1. Vedo che tu ce l’hai fatta a comporre il tuo nick. Il mio invece me l’hanno scombinato a una o due lettere dalla conclusione, al che ho detto basta… ma se quello è il gioco più sensato, gli altri come sono? 🙂

  2. @Gwendalyne
    Sono stato fortunato: i miei “compagni d’avventura” erano piuttosto educati 8)

    @Gossipsta
    Al passo coi tempi? Magari! :mrgreen:

  3. bè invece si! io me lo sogno di trovare siti del genere se non leggendo il tuo blog! Comunque sono riuscito ad ottenere una conversazione civile con una francese e qualche americano/canadese/spagnolo attraverso le scomode letterine magnetiche! e poi ho pure beccato un italiano facendo il puzzle!

  4. Bè, allora grazie 😳
    Sei addirittura riuscito a fare conversazione? Wow, noi non siamo riusciti neppure a scrivere la nazionalità: qualcuno aveva fatto giusto in tempo a scrivere “I am J p nes “, che già gli altri cominciavano a rubargli le prime lettere 😐

I commenti sono chiusi.