Sweet about her

Ormai la mia passione per Gabriella Cilmi ha sfiorato i livelli di karampanismo: esplosa quest’estate con Sweet About Me – che è oggettivamente una chicca – ha pubblicato un album altrettanto delizioso dal titolo Lessons to be learned che il sottoscritto si ascolta ininterrottamente da settimane, assieme a tutte le B-Sides e remix dei singoli da lei pubblicati. Che dire? Lei ha un gran bella voce e, nonostante i suoi appena 17 anni (o forse proprio per questo), non è ancora caduta negli scandali e scandaletti à-la Winehouse o Cyrus. E’ australiana, ma come suggerisce il nome è d’origine italiana. Le canzoni non saranno capolavori, però son scritte tutte dalla Cilmi (che scrive da quando di anni ne aveva quattordici).

Insomma, abbastanza per adorarla (L).

Annunci

6 thoughts on “Sweet about her

  1. Gran artista ma… Un po’ m’ha stressato! E’ sempre la solita song ripetitiva mandata ormai da mesi in rotazione radiofonica… Magari potrei smentirmi ascoltando l’album!

  2. Ma infatti Sweet about me alla lunga può stancare (non me, che mi ascolto quotidianamente i 5 remix contenuti nel singolo :mrgreen: ). Io son stato fortunato ad ascoltare una delle poche radio che da mesi trasmette il “nuovo” singolo, Save the lies, davvero davvero carino e lì mi sono appassionato alla Cilmi.

  3. Ho ascoltato e visto il video di Save The Lies, e notato una svolta pop che non m’aspettavo! Ora la Gabriella inizia ad incuriosirmi! Peccato che il nuovo singolo non sia molto promosso al momento, è un gran bel pezzo…

  4. Già, tra l’altro a Cargo la Cilmi ha promosso quello che sarebbe il terzo singolo, Sanctuary (decisamente meno movimentato dei precedenti), sancendo di fatto la “fine” di Save the lies. ._.

I commenti sono chiusi.