Gieffe nove

grandefratello

Con quest’anno il Grande Fratello ha toccato il fondo. Il format è pure carino, ma poi vedi i concorrenti, la Marcuzzi, la D’Urso, tutto quel nulla a far da contorno al nulla e ti accorgi che nove edizioni, sì, posson bastare. Soprattutto se per far parlare di sé, devono ricorrere ai soliti mezzi: c’è la maggiorata di turno, c’è il rom che va tanto di moda, c’è il “caso umano” (nel caso, il non vedente Gerri). E poi, novità acchiappa-ascolti dell’anno, c’è l’ambiguità sessuale: la bisessualità di Siria, il coming out di Fabrizio e la fidanzata di Leona scovata via YouTube. Insomma, l’importante è che se ne (s)parli.

Annunci

3 thoughts on “Gieffe nove

  1. E se no di che cosa parlerebbero i vari “contenitori pomeridiani”, le riviste pettegole per casalinghe disperate, le bimbeminkia?

    Panem et circenses… Ci sono persino psicologi che perdono ore ed ore a discutere del fenomeno GF…

  2. La fiera delle volgarità… E fin uno dice: pazienza, basta non guardarlo, così l’audience crolla e magari con un po’ di fortuna non ci sarà più riproposto… Macché, ci pensano le varie reti Mediaset a magnificare e pubblicizzare il prodotto anche se non piace più, a martellarci con i soliti scandaletti sessuali (è vero amore o fingono? etc.) e con i vari “tipi fissi” da GF: il povero derelitto, la bonona, il macho, l’ambiguo sessuale… E c’è ancora chi ci casca… Come fanno a credere che sia “tutto vero” quando è palesemente “tutto finto” (i concorrenti, sapendo di essere 24 h al giorno sotto i riflettori ce la mettono tutta per esasperare ogni cosa)???

  3. Sono quasi d’accordo con te, Juliette. Il Grande Fratello non finirà mai perché la gente si sente giustificata se lo guarda per parlarne male o se guarda i relativi “Mai dire”. Il Grande Fratello finirà quando non si faranno più neanche i post come questo. Spero che quel giorno arrivi presto. E che spariscano anche i vari “Isola dei Famosi”, “Amici”, “X Factor”, “La Talpa” eccetera.
    P.S. A me il Grande Fratello ha fracassato gli attributi alla prima edizione.

I commenti sono chiusi.