L’avVentura di Claudia Mori verso X Factor

moriDetesto doverlo ammettere, ma Simona Ventura era adeguata per X Factor. Non perfetta (anche perché rinnegherei quanto scritto in due anni), ma adatta nel mantenere vivo l’interesse. Me ne rendo conto ora, all’indomani della proclamazione (quasi ufficiale) della sua sostituta, una Claudia Mori classe 1944. Premetto che la notizia non è ancora confermata e, seppure tutti la danno per quasi ovvia (al 90%, dice Marano), un tale ritardo dovrebbe perlomeno far venire qualche dubbio. Vabbè, dicevamo: Claudia Mori ad X Factor. Le possibilità erano due: continuare sulla linea del “personaggio televisivo non professionalmente legato alla musica” (e in quest’ottica la scelta di Ambra sarebbe stata semplicemente perfetta) o puntare su qualcosa di completamente nuovo. Applausi quindi per la produzione che, anziché andare sul sicuro, tenta di battere nuove strade; il vero problema in realtà è proprio la strada intrapresa. La Mori non è la scelta peggiore (si parlava pure di Teocoli e Malgioglio, per dire), però rischia di macchiare – si spera non in maniera indelebile – un marchio forte come X Factor. Innanzitutto il suo ingaggio sembra più legato ad un’ottica aziendale che non musicale: avvicinando lei a Rai Due, si avvicina pure il marito. Ed uno show in prima serata di Celentano varrebbe ben più di un giurato poco azzeccato. Secondo aspetto: la scelta sembra (un pò troppo) legata al fenomeno Maionchi. Rimango dell’idea che la discografica sia stata una piacevole scoperta, ma non certo una rivoluzione o – peggio ancora – l’anima di X Factor: una signora un pò rude che strappa un sorriso quando perde la testa, ma che ha dato veramente poco alle dinamiche del talent. Una “seconda Maionchi” cosa apporterebbe? Niente, se non un’improvvisa impennata del target anziano (e depressione di quello giovane).

Insomma, Claudia Mori potrebbe funzionare solo se:

  • si rivelerà cinica, ovvero diventerà la risposta Rai alla nipote Alessandra Celentano, l’elemento privo di buonismo che manca ad X Factor. Nel caso però, sarebbe stato meglio sostituirla direttamente alla Maionchi.
  • introdurranno davvero quattro giudici. Nel caso, sarebbe un ottimo quarto elemento a fianco di una più quotata Ambra (si, ancora lei) o Selvaggia Lucarelli (possibile che nessuno ci abbia pensato? E’ già stata nel Processo, è brillante e ha pure un trascorso televisivo non indifferente).
  • sorprenderà. Proponendosi come una degna “rivale” di Morgan, scegliando canzoni poco banali ma neanche vecchissime… insomma, facendo il giudice perfetto.
Annunci

3 thoughts on “L’avVentura di Claudia Mori verso X Factor

  1. Ottima disamina. Personalmente ho sempre ritenuto la Ventura un pò troppo ignorante in fatto di musica per poter partecipare ad X-factor. Però il suo fiuto mediatico, innegabile, ha sempre deposto a suo favore, un esempio per tutti la creazione del fenomeno Giusy Ferreri, ossia la bruttina (no dico, ora provano pure a vendercela come sexy ma ha due fianchi che fanno provincia, e che diamine ora hai i soldi e le possibilità, e buttali giù quei kg di troppo!) con una buona voce (ma quanto è fastidioso quel suo tipico “rinculo” quando canta……..) sagacemente messa sulla strada di Tiziano Ferro (che le scrisse il tormentone dell’estate 2008, l’inedito che portò in finale) ma soprattutto sagacemente scelta (andate a rivedervi su youtube il suo primo provino……..) in quanto alternativa italiana ad Amy Winehouse (la quale però 1 canta decisamente meglio e 2 è circondata da un esercito di musicisti che la Ferreri manco può sognarsi, voglio dire altro che la cricca di Tiziano Ferro e soci……..). La Venturona nazional-popolare si fa da parte e quindi la ridda di ipotesi sulla sua sostituzione è immediatamente scattata. Personalmente avrei preso un uomo, giusto per il gusto di vedere quanto quella mezza sega di Morgan faceva il grosso ad avere a che fare con un uomo appunto e non con due donne come nelle prime due edizioni. Carlo Conti sarebbe stata una scelta a mio parere sensata in tal senso, che piaccia o meno (a me piacque ma sono un nostalgico degli 80) ne “I migliori anni” ha ampiamente dimostrato un buon mix di cultura musicale e dello spettacolo. In alternativa a Conti sarebbe stato interessante inserire un giudice che fosse anch’egli un artista come Morgan, ma prettamente commerciale giusto per creare un topos di antiteticità con lo stesso Castoldi in modo da poter essere il vero e proprio “motore” della terza edizione. Su possibili candidate ho avuto meno idee e meno chiare fin dall’inizio. Mi perdonerà Matteo ma aborrisco l’idea di Ambra, della quale penso esattamente quello che di lei ha detto Victoria (ex-iene) di Very Victoria su MTV nel celebre prologo alla loro rissa (cercatevela su youtube) ossia che è nota 1 per “Non è la Rai” e 2 per essere la compagna di Renga. Siamo seri, se vieni lodato/a per quel che hai fatto con Ozpetek “non vale”. Nel senso, col turco in cabina di regìa ha brillato anche quello stoccafisso di Luca Argentero. Senza contare il fatto che la gente di Ambra in Saturno Contro si ricorda che faceva la sciroccata e diceva frasi del tipo “con questo c’ho scopato due volte”. Ossia, e bravo il nostro turco ruffiano, faceva/diceva esattamente quelle cose che chi sbavava su di lei ragazzina a Non è la Rai erano “solo” 15 anni che sognava di sentirle dire. Schienata Ambra appoggio in pieno Matteo sull’ipotesi Selvaggia Lucarelli, voglio dire non si può farle un torto della sua avvenenza e il resto, inteso come cultura dello spettacolo, c’è.
    La Mori……..è un bel quarto di bue come la Maionchi telegenicamente parlando. Ha ragione Matteo a dire che farà centro se e solo se una o più delle tre ipotesi che pone al termine del suo intervento si realizzeranno.

    • Si, forse hai ragione, Ambra non è la persona più qualificata (anche se pure la Ventura non è che fosse un granchè adatta…) e sarebbe davvero interessante vedere un uomo – specie se artista – a contrastare Morgan. Conoscendo gli standard di Rai Due però temo che la scelta ricadrebbe su Malgioglio e… Dio ce ne scampi!

  2. Beh con Malgioglio in “cabina di regia” ogni puntata di X-factor si chiuderebbe non prima delle 04:00 di mattina, senza contare il fatto che dovrebbe girare coi bodyguards a fare certi commenti sugli artisti in gara con alle spalle i loro supporters. Mi rendo conto ora che se da un lato l’inserimento di un giudice “uomo” renderebbe pan per focaccia a Morgan dall’altro azzererebbe il tasso di femminilità in “cabina di regia”, la stessa Maionchi son 40 anni e passa che fa un cosiddetto “lavoro da uomini”. Eh si, con la Mori confermata il sessappiglio, seppur maturo, della Ventura non sarà certo rimpiazzato. E, cosa ancor più grave, il confronto quanto a qualità coi 3 giudici USA sarà impietoso, se ben rammento in una delle ultime edizioni come giudici avevano oltre a quel Michael Bolton “mancato” che assomiglia al padre di Mike di “Genitori in Blue Jeans” (evviva la cultura televisiva anni 80/90) anche Paula Abdul (artista e forse la miglior coreografa video al mondo) e Tito Jackson dei Jackson Five……..mi ripeto, i confronti sarebbero impietosi

I commenti sono chiusi.