X Factor, si ricomincia /3

xxxfactor

Oggi è stato svelato il cast completo dell’ormai imminente terza edizione di X Factor: una selezione non facile perché, come ammesso dalla Mori, quest’anno i casting non sono stati di altissimo livello. Sorprendenti soltanto i Gruppi, così e così gli Under 24 (ma i quattro finalisti sono parecchio forti), decisamente male gli Over (con un paio di pezzi forti in tutto). Di seguito – come di consueto – una prima provvisoria e totalmente inaffidabile analisi:

16-24 (Morgan – )

  • Chiara Ranieri La scelta più televisiva di tutte. Intendiamoci, lei è davvero brava e si meritava senza dubbio di approdare sul palco di X Factor, ma piazzare una concorrente decisamente sovrappeso dall’ugola d’oro NON è contro ogni logica. Anzi, risponde perfettamente alle logiche di mercato che stanno sempre più spingendo in questa direzione (Ugly Betty, Patito Feo, Susan Boyle vi dicono nulla?). Son curioso di vedere il confronto col Becucci, che l’anno scorso era senz’altro quello vocalmente più dotato ma attaccato un po’ da tutti perchè vecchio, classico e impacciato: mica le risparmieranno queste (discutibili) critiche?
  • Silver (Silvio Barbieri) Esteticamente potrebbe essere il quarto Bastard Sons of Dioniso, nelle maccaniche di gioco sarebbe la versione autunno-inverno 2009 di Jury Magliolo. Però lui sembra bravo davvero, neanche troppo antipatico e – lo dico già da ora – potrebbe vincere pure. Qua si tifa (anche) per lui.
  • Marco Mengoni L’hanno definito il “Mika italiano” e devo ancora capire il perchè. Certo, fisicamente c’è una (lontana, lontanissima) somiglianza, ma a livello musicale siamo su pianeti completamente differenti:v a pure ammesso che sul suo MySpace il cantante libanese è tra i suoi Top Friends assieme a gente tipo Jeff Buckley, Paolo Nutini, Coldplay e Gavin De Grew: lo stile è quello e io non posso che apprezzare. Già sento che diventerà il personaggio più odioso di X Factor, ma per ora voglio dargli il mio supporto.
  • Ornella Felicetti Quella che, per ora, ha colpito meno. E’ brava e carina, ma ad oggi sembra la pedina sacrificabile. Dovrà lavorare per emergere (puntare sull’origine peruviana?), ma il supporto di Morgan potrebbe aiutarla.

Morgan, assieme al vocal coach Carlo Carcano (che, nonostante il fantasma dell’inarrivabile Rodini, convince già da adesso), ha scovato quattro elementi veramente validi. E’ il team che farà più parlare e che rischia seriamente di vincere.

Over 25

  • Damiano Fiorella Fatto fuori a tradimento nel bootcamp della passata edizione (e, dalla reazione di Morgan, è facile immaginare che si sia trattato di una scelta imposta dall’alto), è rientrato quest’anno grazie a Claudia Mori. Unico vero talento di un team allo sfascio, non farà fatica ad arrivare in finale: con Morgan avrebbe senza dubbio vinto, adesso bisogna vedere come si comporterà la Signora Celentano con lui. Dispiace solo non averlo visto in gara nell’edizione precedente.
  • Francesca Xefteris Ambramar… ah, no, non è lei. Però provo a immaginare: la presenteranno come la rocker (?) di X Factor, dopo un po’ se ne usciranno fuori con la storia che “senza chitarra non può stare” e  arriverà un qualche esperto esterno ad insegnare loro a prendere consapevolezza del loro corpo. Messo da parte questo psicodramma, tireranno fuori il filmato in cui Mara la bocciava ai casting e solo grazie a Morgan è stata riammessa in gara. Uscirà intorno alla sesta puntata. Bè, comunque è brava, basta che non gli facciano cantare Patti Smith e compagnia, sennò cambio canale.
  • Francesca Ciampa Ha dei bei capelli, d’accordo, ma tanto valeva prendere Isabella Arrigoni. Oltretutto quando canta fa una bocca strana e la sua Ancora ancora ancora cantata al bootcamp non valeva un decimo di quella del Becucci. Mah.
  • Francesco Gramegna Chi? O gli danno una canzone azzeccatissima o esce alla prima puntata. Anche perchè il ruolo del belloccio di turno dovrà dividerlo con Marco Mengoni, che è pure più giovane.

Claudia Mori e Roberto Vernetti si sono arrangiati con quel che avevano: un riciclato d’oro (Damiano) e una ragazza ggiovane col cognome greco (Francesca X.) e, in attesa di un miracolo discografico, quelli che forse sono un pochino più televisivi (Francesca C. e Francesco G.). Punteranno sui primi due e lasceranno andare gli altri.

Gruppi Vocali

  • Horrible Porno Stuntmen Avete presente i Bastard Sons of Dioniso? Bene, dimenticateli. Gli HPS non sono i nuovi TBSOD, sono la loro brutta copia esasperata: nome assurdo, grande senso di appartenenza regionale (loro sono romagnoli ed in tutti i casting hanno parlato solo di piadine in dialetto), approccio alla musica tutto particolare e vagamente “scazzati” (si può dire, no?). Però i Bastard erano bravi, si prendevano poco sul serio e parlavano il minimo. Insomma, alla fine loro erano simpatici. Gli Horrible Porno Stuntmen (per ora) no.
  • A&K Qua ci scappano i vincitori, sempre che la Maionchi riesca a seguirli in maniera decente: lui davvero davvero interessante, lei per ora ha fatto solo da contorno. Sono un duo e questa è, più o meno, una novità per il panorama italiano. Quando poi la produzione comincerà a spingere su una presunta storia d’amore tra i due amici, bè, il televoto potrebbe schizzare. UPDATE: A quanto pare la ragazza degli A&K, Chiara, è stata eliminata dal gioco in quanto figlia di una dipendente Rai. Dovrebbe essere Daniele Vit, eliminato dai casting con la Mori, a sostituirla al fianco dell’altro A&K, Andrea.
  • Luana Biz Devono riuscire a non farsi oscurare dagli Horrible Porno Stuntmen, perchè i Luana Biz potrebbero imporsi ad X Factor. Sono simpatici e fanno una musica che, per quanto invendibile (ovvero sono l’unico vero gruppo vocale di questa edizione), potrebbe funzionare molto bene sul palco.
  • Yavanna Sì, ci sono pure loro. Parteciparono ai passati casting, ma non si presentarono ai bootcamp: adesso ci riprovano, evidentemente perchè hanno capito che il successo può compensare un’identità artistica mandata alle ortiche. In un primo momento la loro musica simil celtica (?) con le orecchie a punta incuriosiva ed affascinava, adesso rischiano di stufare ancora prima di cantare: per le prime puntate reggeranno grazie al fattore novità, dopo crolleranno.

Squadra che vince non si cambia. E squadra che perde? Mara Maionchi e Gaudi nella passata edizione hanno raggiunto un risultato davvero deludente con i gruppi, riuscendo a mancare la vittoria anche laddove sembrava impossibile (citofonare The Bastard Sons of Dioniso). Stavolta hanno la fortuna di una categoria completamente rinata, trasfomatasi da palla al piede per qualsiasi giudice a fucina di talenti: sbagliare con tutti e quattro sembra davvero improbabile, ma non impossibile.

Ultima postilla: il vincitore di questa edizione se ne andrà a Sanremo, con buona pace del Becucci e chi un posto del genere se lo meriterebbe di più. E nella prima puntata ci sarà ospite Noemi con Fiorella Mannoia, quindi guai a perderla.

Annunci

5 thoughts on “X Factor, si ricomincia /3

  1. In tv non c’è stato praticamente niente da vedere per mesi… e stasera ecco tre programmi interessanti in un colpo solo! Penso che guarderò “X Factor” e registrerò Brignano, lasciando perdere Don Matteo (che peraltro non mi ha mai fatto impazzire).

  2. Per ora ho cercato di evitare FriendFeed, l’ultima cosa di cui ho bisogno è una nuova droga :mrgreen:
    Certo, l’invito è allettante… vedrò di attrezzarmi per la prossima puntata 😉

I commenti sono chiusi.