X Factor, tredicesima ed ultima puntata.

Mica avrete pensato che mi fossi dimenticato della finale di X Factor, della vittoria di Marco, del (fittizio?) addio di Morgan? Tutt’altro. Diciamo che ho aspettato la vera conclusione di questa terza edizione, con la puntata finale del Processo e l’incoronazione del vincitore del Premio della Critica. Che, guardacaso, è andato a Marco Mengoni.
Un trionfo su tutta la linea insomma: principale candidato alla vittoria dalla prima puntata, trionfatore assoluto nella finale, primo su iTunes (sia con il singolo che con l’EP) e pure premiato dai giornalisti e dai dj che hanno animato l’ultima puntata del Processo di X Factor. Insomma, il successo di Marco – per la prima volta ad X Factor – è stato plebiscitario. Certo, qualche passo falso è stato fatto (ma qui la colpevole è piuttosto la Sony, rea di aver assegnato al Mengoni un singolo – e pure un EP – non particolarmente esaltante), ma il suo percorso è stato esemplare: da qualche parte si mormora addirittura che Mika – Mika! – dopo averlo sentito abbia scritto una canzone per lui.
C’è altro da aggiungere? Non è stata la migliore edizione di X Factor, qualche polemica di troppo, qualche scelta poco azzeccata, ascolti sotto le aspettative (anche se la finale è volata), ma alcuni concorrenti di indubbio talento: Marco, ma pure Giuliano (poco originale nell’inedito, ma incredibilmente “inquadrato”) e le Yavanna (che, nella missione impossibile di dare un senso a Come mai featuring Max Pezzali e Zombie, hanno dimostrato di sapersi mettere in gioco sul serio).

Annunci