Ads #3: che Internet Explorer 8 faccia vomitare?

Da qualcuno è stata ribattezzata la peggior pubblicità di sempre. Senza esagerare neanche troppo. Lo spot di Microsoft per promuovere il nuovo browser Internet Explorer 8 (e, nella fattispecie, la funzione InPrivate) parte da un’idea tutto sommato carina: la moglie che, involontariamente, scopre i siti “poco ortodossi” visitati dal marito. Peccato che la reazione di lei sia imprevedibile – e decisamente disgustosa: comincia a vomitare. E la telecamera, impietosa, alterna i primi piani della donna con le inquadrature del marito che, dopo essere scivolato sul vomito per terra, viene ripetutamente colpito da nuovi getti. La pubblicità è stata ritirata da Microsoft (nonostante much of the feedback to this particular piece of creative was positive), ma ovviamente su YouTube ne sono rimaste tracce più o meno indelebili. La cui visione è consigliata lontano dai pasti.

Annunci

Ads #2: Green Day e i graffiti promozionali

Non sono mai impazzito per i Green Day, nonostante l’ultimo singolo – 21 guns, qua il video – sia veramente valido. Quella sopra è invece l’inedita campagna promozionale australiana per il loro ultimo album: graffiti sparsi per tutta Sydney (e non solo) raffiguranti la copertina del disco. Efficace e, soprattutto, a costo (quasi) zero: le opere sono infatti realizzate dai writer e dai fan grazie ad alcuni stencil rilasciati dalla stessa Warner Music; l’operazione non è però piaciuta al governo locale che ne ha ordinato la rimozione a causa delle mancate autorizzazioni. Al di là delle beghe legali (pure comprensibili), è un vero peccato dover distruggere quelle che sono, a tutti gli effetti, piccole opere d’arte.