Ma davvero la Formula 1 disputata in tribunale è meno avvincente di quella su pista?

formulaone

Ovvero, come il popolo italico ami soprattutto vincere. Ci riflettevo oggi, dopo aver dato un’occhiata all’articolo del Corriere sul disastroso GP di Malesia: gara interrotta prima del tempo, punti soltanto ai primi cinque classificati, il dato-per-spacciato Button ancora in vetta, Ferrari a zero punti in questo Gran Premio, Ferrari a zero punti nel campionato. «In 2 gare, il Mondiale 2009 ha già offerto il peggio del repertorio» scrive l’anonimo giornalista nell’articolo. Che poi è la verità, in appena un paio di settimane c’è già stato tutto: polemiche, squalifiche, ricorsi e ambiguità varie; come quella dei diffusori montati dalla Brown e tutte quelle case fino ad ieri sottovalutate e che si sono trovate – quest’anno – a dominare ogni gara. Chi di dovere (la Fia) deciderà a tempo debito (il 13 Aprile). Però fa ridere vedere il cambiamento nella coscienza collettiva (per non dire dei commentatori più o meno qualificati): se fino a due settimane fa si inneggiava alla regolarità, alla Formula 1 corsa in pista e non in tribunale, adesso le spoglie aule del foro sono diventate l’unica, vera attrattiva. Uno spettacolo che, perlomeno, non si ferma al trentatresimo giro e che da gioie quasi quanto una vittoria sul campo.

Annunci

Best Global Brands 2008

Ormai dovreste saperlo, ho un debole per le classifiche e, quando ne trovo una interessante, non posso far altro che pubblicarla: la Best Global Brands non fa eccezione. Come ogni anno la Interbrand ha stilato la classifica dei 100 marchi più affermati a livello mondiale, confrontandole direttamente con i risultati dell’anno passato: un mezzo utile, sebbene un po’ impreciso, per analizzare i movimenti dell’opinione pubblica indipendentemente dai guadagni di un’azienda. A dominare è Coca Cola, che si conferma anche quest’anno il brand più influente, con addirittura un aumento del 2%, seguita da IBM e Microsoft. Le posizioni più interessanti però si trovano più in basso: Google balza in Top Ten con un +43%, Apple è 24ª con un incremento del 24% e Nintendo 40ª col +13%. Il primo brand italiano è Gucci (45ª), seguito in fondo alla classifica da Prada (91ª), Ferrari (93ª) e Giorgio Armani (94°). In calo quasi esclusivamente i servizi finanziare (con il picco negativo del -21% di Merril Lync). Il futuro, prevedibilmente, è nella tecnologia.

Continua a leggere