2008 D.C.

2008

Anno nuovo, tempo di bilanci e amarcord sui 366 giorni appena passati. E che anno il 2008. E’ stato l’anno dei comeback, il ritorno del sintetizzatore di Britney Spears, lo scongelamento dei Bluvertigo, i nuovi album di Tiziano Ferro (di cui sto rivalutando tutta la discografia, segno che sto proprio male) e Baustelle. E, sempre musicalmente, è stato l’anno di X Factor, del successo di Giusy Ferreri, del flop di Sanremo 2008 e le polemiche di Sanremo 2009: dal parto di Thomas Batie e la vittoria di Luxuria all’Isola dei Famosi alla redenzione omosessuale di Povia. Fortunatamente lo Spettacolo del duemilaotto non ha partorito solo morti di fama (come il neo sposo Clemente Russo o la “provocatoria” Raffaella Fico), ma pure le seconde stagioni di Heroes e Ugly Betty, l’atteso Saint Seya Hades e lo spettacolo delle olimpiadi. Tutti contro il web: Mediaset contro YouTube, Ruggeri contro internet, magistratura contro The Pirate Bay. Nel mondo reale invece si sono decise le sorti degli Stati Uniti tra Obama e McCain (ma pure Hillary Clinton) e dell’Italia (sic) con le elezioni di Aprile: in quest’ultimo caso, decisamente più soddisfacenti i risultati degli WordPress Blog Award. Infine il 2008 è stato l’anno di WiiFit, del Cavaliere Oscuro, del gattino Virgola e dell‘iPhone; tra i nuovi nati di casa Apple però la vera sorpresa è stato l’iPod Nano 4G, regalo natalizio del sottoscritto, che si affianca agli insostituibili Nokia N73 e Acer Aspire 5715z. Mica male, no? 😉

Ci sono pubblicità occulte e pubblicità occulte

venier

Antitrust contro Mara Venier*: durante l’Isola dei Famosi avrebbe sponsorizzato i suoi gioielli MyMara. Sia lei, che Giucas Casella, indossando le creazioni dell’opinionista, avrebbero fatto vera e propria pubblicità occulta. Adesso tutte le principali testate online citano in prima pagina il marchio, il logo e la creatrice. Ma questa non è pubblicità (occulta).

* Che poi la vera assurdità è che nessuna segnalazione è stata fatta per Valeria “Diamond” Marini e il tatuaggio-marchio di Leonardo Tumiotto.

Naufraghi duemilaotto

Mettiamo le cose in chiaro: non avrei scommesso un centesimo su Luxuria all’Isola dei Famosi. Fuori al primo televoto, avevo pronosticato, invece ce la troviamo in finale con il serio rischio che vinca questa sesta edizione. Carlo Capponi è la variabile impazzita. L’avrei voluto fuori alla prima puntata e, secondo me, ha pure rischiato grosso con la prima nomination contro Ylena “Chi?” Shatanova. Ora avrebbe tutte le carte per vincere, ma si sa, all’Isola si premia la “normalità”. Belen Rodriguez e Leonardo Tumiotto sono quelli che “nemmeno la pagina su Wikipedia c’avevano”: finalisti per caso, la prima continuerà con le sue ospitate (al massimo gli diamo un programma radiofonico su RTL), il secondo continuerà a (non) vincere gare di nuoto.

PS Stasera finisce l’Isola dei Famosi e domani comincia X Factor: quando vuole, Rai Due riesce a farmi felice.

50.000 Euro per la Marini

I debiti vanno sempre pagati: se nel regolamento dell’Isola dei Famosi ad ogni ritiro corrisponde una nuova entrata, quelli di Magnolia sono messi davvero male. Alla già ricca lista di ritirati delle prime due puntate (Giuseppe Lago, Flavia Vento e Giucas Casella), si sono infatti aggiunti oggi il non-famoso Daniele Bressan e l’invisibile Antonio Cabrini. Cinque concorrenti da rimpiazzare, considerato che la permanenza della gueststar Valeria Marini è agli sgoccioli: “l’ho fatto per tornare amica tua, Simona” ripeteva lei nella puntata di Lunedì sera, ma in realtà c’era perlomeno un altro motivo, un compenso che secondo Dagospia si attesta sui €150.000, secondo i responsabili del reality “appena” 50.000. Cinquantamila euro per massimo due puntate in primetime e sei in daytime, senza considerare i non proprio velati riferimenti alla sua linea di intimo “Daimond” (la pronuncia la sbaglierà apposta per non fare pubblicità occulta?). Ah, Valeria Marini è quella che ha risposto ad una domanda della Ventura con un “Mmh, sì, l’ho letto nel mio libro“.

Siamo già ad Ottobre

Avrete senz’altro notato che, da qualche giorno a questa parte, non posto più niente: paradossalmente il motivo è che sono stato troppo a casa! Si da infatti il caso che mi sia ammalato e, da buon maschio italico, abbia azzerato le mie funzioni vitali… e dire che ero ad un passo dal personalissimo record di scrivere almeno un post al giorno per un mese (capirete lo sforzo creativo 😉 ).
Da questo momento dovrei tornare ai vecchi ritmi, non tanto perchè la febbre è passata, quanto perchè dopo aver passato 3 giorni davanti alla televisione non posso tacere: l’arrivo della Marini all’Isola dei Famosi, l’addio strappalacrime di Giucas Casella (semplicemente folle – o costruito – nel voler rischiare la vita) e Flavia Vento (colpo basso per il programma), Riccardo Schicchi con i piedi ustionati a Mattino5, la stessa D’Urso che involontariamente (?) fa un gestaccio, Platinette al Ballo delle Debuttanti, il teen movie Camp Rock, Francesca Senette che imita la Marini all’Italia allo Specchio… insomma, tutti momenti trash indimenticabili.
Tra tutte le chicche, però, due me ne sono trascritte per non dimenticarle:

Speriamo che non è stato proprio lui!

Detto da Filippo Magnini all’Isola dei Famosi: un errore umano, per carità, però l’ha ripetuto perlomeno un paio di volte.

Ci devo crederci?

Simona Ventura a Quelli che il calcio. Divertente perchè la correggono pure, ma lei fa finta di nulla e continua a parlare: qualche minuto dopo appare Fabrizio Fontana con una t-shirt con su scritta la frase! 😀

Flavia Vento, la vera perla* dell’Isola

La cara, vecchia, Isola dei Famosi sta per tornare. E, in un periodo in cui i telespettatori scappano dalla tv, anche un reality in declino continua a destare attenzione: grande clamore è infatti nato attorno al cast dei dieci naufraghi famosi quasi definito. Parlo al condizionale perchè, sebbene già Sorrisi gli abbia dedicato un intero servizio fotografico, tanti sono gli interrogativi: già una quattordici giorni fa il settimanale aveva ufficializzato nomi (fra cui un inviato, Alessandro Di Sarno, rivelatosi fasullo) che in realtà erano tutt’altro che certi. E lo stesso Farouk Kassam (già candidato al toto Grande Fratello), dato per certo sette giorni dopo, ha smentito categoricamente la sua partecipazione. Insomma la macchina del reality targato Rai Due è in continuo movimento e pare non si fermerà fino a Settembre.

Se però tutti i dieci naufraghi annunciati partissero davvero per l’Houndaras, ci sarà materiale sufficente per divertirsi: Giuseppe Lago, anonima creatura De Filippiana, Leonardo Tumiotto, nuotatore in cerca di compassione («faccio il reality per superare la delusione di aver mancato la qualificazione alle Olimpiadi»), Veridiana Mallman, la velina con la più breve permanenza sul bancone di Striscia, Antonio Cabrini, l’ex calciatore di quest’edizione, Massimo Ciavarro, attore in calo di fama, Belen Rodriguez, showgirl, modella, cantante e conduttrice (certo, tutto vero, …), Giucas Casella, già nel cast dell’indimenticabile Il Ristorante, Michi Gioia, scrittrice, nonchè figlia dell’ex dirigente Fiat, Vladmir Luxuria, ormai ex parlamentare, che, stando alle dichiarazioni («sono di sinistra, metto in conto le discussioni con alcuni concorrenti che si professano di destra»), dovrà vedersela con lei, il vero pezzo forte dell’Isola, Flavia Vento: la vera politica della situazione – altro che Luxuria – capace di passare dalla Margherita a Storace, tornare filo-sinistroide e dichiarare «vorrei fare la delegata per gli animali, meglio con un governo di destra». La paladina degli animali costretta ad uccidere e mangiare pesci. La blogger senza internet (resisteremo senza impegnati e grammaticalmente perfetti post?). Ma soprattutto, a differenza di quanto fatto a La Fattoria, riuscirà a superare i tre giorni di permanenza sull’Isola?

* Si, si, ho scritto proprio pErla. Con la E.

Dura la vita del tv-watcher

Non so bene come, ma nell’arco di cinque giorni Rai2 è sparita dall’etere (della mia antenna, sia chiaro) ed è, parzialmente, apparsa La7. Ergo, per stasera è lecito aspettarsi una serata di Invasioni barbariche, dovendo però rinunciare a Tempesta d’Amore (), consapevole del fatto che mercoledì potrei perdermi la finale dell’Isola dei Famosi. Letale.