E alla fine fu Italia.it

italia

Io penso che, al di là di ogni critica, il vero problema del portale Italia.it sia il prezzo. Cioè, per quanto possa essere intuitivo, per quanto possa essere geniale, per quanto possa essere davvero utile e fruttuoso, un sito non può costare 5 milioni di Euro (che poi è la stima del governo, quindi nessuno ci assicura che la cifri non lieviti misteriosamente), specie se l’assegno a sei zeri viene gentilmente offerto dalle tasche dei contribuenti*. Il vero problema è che, se anche il Governo realizzasse un portale sorprendentemente valido – e anche se la Brambilla passasse tutta l’estate tra link e feed – quei milioni di euro non sarebbero comunque giustificabili. Detto questo, il “nuovo” Italia.it è pure peggio del primo. Tutto tranne che “emozionale” (qualunque cosa voglia dire).

* Stessi contribuenti che nelle intenzioni della Brambilla dovrebbero collaborare – a titolo gratuito – a migliorare il portale.

Annunci

Magic Italy

magicenglish

Magic Italy è un motto dal retrogusto calcistico, sembra già di vederlo come slogan di un qualsiasi sponsor ufficiale della nazionale Italiana di calcio, come claim – chessò – della Nutella o della raccolta punti della Erg. Invece saranno le parole chiave del rilancio turistico del nostro Paese: qualcuno dovrà spiegarci perché promuovere l’Italia con un nome che di italiano non ha niente, ma probabilmente siamo noi ad essere ancorati a vecchi preconcetti. Vabbè. Poi c’è il logo: presentato dalla Brambilla con la supervisione di Berlusconi, non è molto entusiasmante. Bruttino, insomma. Mira a qualcosa di buono, ma si limita a scopiazzare qua e là senza il benché minimo stile, non è fatto a casaccio, ma è tirato su con fare cheap senza il fascino del low-cost. Ha ragione chi dice che sembra uscito dalle televendite di un tempo (o dalle peggiori di Mediaset): Magic Italy è realizzato con la stessa cura di uno spazio pubblicitario passato a notte fonda su qualche rete locale. Mi chiedo solo perchè non lasciano realizzare questi lavori a giovani designer che – anche a costo zero o perlomeno in cambio della visibilità ottenuta – farebbero molto meglio.