X Factor @ Montignoso

Tempo d’estate, tempo di concerti: e, degna conclusione del percorso fatto in questi mesi, non potevo mancare uno spettacolo (non troppo ufficiale) di X Factor. Riuniti sullo stesso palco Tony, Ilaria, Giusy Ferreri e Aram Quartet per quasi due ore di esibizioni rigorosamente live (e ci mancherebbe).
Vi risparmierò la cronaca del viaggio e dell’attesa spasmodica per l’apertura dei cancelli (alle 18, no alle 18:30) avvenuta poi alle 19:30, impedendoci di guardare le prove; non accennerò al grigio pullman contente Aram e Giusy che ha sbagliato strada un paio di volte, passando davanti a noi ignari di tutto; non vi parlerò degli artisti che hanno aperto il concerto, tra cui la dodicenne che ha cantato Essere una donna (“non vuol dire riempire una minigonna”, ma probabilmente stare su tacchi 12 a quell’età sì) e quella che di anni ne aveva 10 anni e ballava e cantava al ritmo di Mercy.

Ad aprire la serata (quella vera) è stato piuttosto Tony, tutto sommato bravo: per essere quello che con quella faccia lì puoi cantare tutto se l’è cavata decisamente bene. Parte con le versioni ridotte di No one (con qualche improbabile strofa in italiano), Destinazione Paradiso (così e così) e Master Blaster (decisamente più movimentata delle altre – non che ci volesse molto – e cantata pure bene). Nella seconda sessione va con Mi togli il respiro: la canzone è inconsistente però si fa canticchiare da tutto il pubblico.

A seguire Ilaria: lei è brava, per carità, però è poco incisiva; la voce c’è, ma spesso manca la canzone giusta. E infatti finchè canta Snow on the Sahara e la sua Il contatto lascia un po’ interdetti, per fortuna si riprende con Let it be, che oltretutto suona pure al piano. Decisamente più coinvolgente Suono naturale, su cui mi sono già espresso in termini positivi, e Oceano: l’avrà pure cantata migliaia di volte, però live ha una marcia in più. Nel complesso, se l’è cavata discretamente.

Più energia per l’entrata di Giusy Ferreri che, malgrado la mia avversità, ha fatto un’esibizione convincente: Ma che freddo fa l’hanno cantata un po’ tutti (meno che io, che nemmeno la conoscevo :P), così come Remedios. Alla fine della serata ha interpretato pure Non ti scordar mai di me: bisogna dire che la differenza fra versione registrata e live non è molta, quindi è stata decisamente brava, eppure a me continua a non piacere. E per non cadere nel gossip spicciolo, non commenterò neppure la discutibile giacca di pelle rossa che aveva.

Continua a leggere

Annunci

Facchinetti e Maionchi approdano a Scalo76

Di Scalo76 mi ero già occupato relativamente al rumor – dato ormai per certo – di una programmazione quotidiana; nuove informazioni sono emerse oggi, via TvBlog, riguardo alla conduzione: a quanto pare saranno Francesco Facchinetti e Mara Maionchi a dirigere l’ora di musica. Dopo il trio formato da Daniele Bossari, un’inutile Maddalena Corvaglia e la competente Paola Maugeri, i vertici di Rai Due hanno deciso di puntare su due personaggi rivelazioni dell’anno: lui, cantante disoccupato che ha trovato collocazione nella conduzione (con dubbi risultati, almeno secondo me), lei, giurata di X Factor con la lingua tagliente ma un cuore d’oro. Funzioneranno? Per ora non li vedo molto affini (mi riferisco alla seconda puntata del talent), ma potrebbero rivelarsi una piacevole sorpresa.

X Factor: dodicesima puntata

Per l’ultima volta mi ritrovo a commentare X Factor (ma non sarà l’ultimo post, mi conosco bene): puntata intensa quella di ieri, culminata con la meritatissima vittoria degli Aram Quartet, già vincitori del sondaggio postato sul blog qualche giorno fa, che hanno proposto l’interessantissimo inedito Chi (Who) della coppia Morgan-Gaudi, oltre alla cover di Per Elisa e Walk on The Wild Side. Seconda classificata Giusy Ferreri, terzo Emanuele Dabbono e quarto Tony Maiello.
Per quanto riguarda gli ascolti, record assoluto per la trasmissione, ma valori assoluti non troppo esaltanti: 2.750.000 spettatori e 13,95% di share.

Continua a leggere

I finalisti di X Factor: Tony Maiello

Tony Maiello (16-24) è senza dubbio uno dei personaggi più discussi della prima edizione di X Factor: unico reduce della sua categoria, ha avuto la meglio su colleghi più amati (soprattutto dal popolo del web) come Silvia Aprile o Ilaria Porceddu; spesso additato come quello meglio collocabile discograficamente, visto l’ampio riscontro sul pubblico giovanissimo, ha saputo invece fare del suo meglio per migliorare. Ed effettivamente, come vado ripetendo da qualche settimana, i progressi fatti da No One (la sua prima canzone portata sul palco) a Nessun dolore sono innegabili: merito del duro lavoro fatto dalla Maionchi e dal suo vocal coach Nicolò Fragile, ma anche della sua maggior consapevolezza e dell’azzeccata (per quanto abusata) scelta di puntare sul suo timbro graffiato. L’inedito che porterà in gara non è ancora conosciuto (nella scorsa puntata Mara ha parlato di un brano scritto a quattro mani), visto che Tony – escluso il provino per Amici 7, per cui lui stesso si è ritenuto fortunato a non essere stato selezionato – è un debuttante assoluto. Interessanti i post che Mara Maionchi ha scritto sul suo blog riguardo al cantante partenopeo:

Tony ha connotati più decisi e evidenti. Basta con la storia del bel faccino, invece di guardarlo, Tony sarebbe ora che lo si iniziasse ad ascoltare. Attenzione: ribadire il concetto della bella faccia è stato controproducente per questo ragazzo che invece ha grandissime potenzialità artistiche. Non cadete poi nell’errore del prodotto più o meno “piazzabile”; Il concetto di “piazzabile” è sbagliato e porta fuori strada, il prodotto può (e deve) avere caratteristiche nette, precise, che lo collochino in modo chiaro in un mondo. Tony rientra nel mondo pop in modo netto, ed è riconducibile a questo ambito.

La vittoria di Tony, data quasi per scontata all’inizio del programma, è diventata meno probabile a seguito delle due volte che ha rischiato l’eliminazione a causa del televoto: evidentemente, nonostante il nutrito gruppo di fan (che anima quotidianamente un forum ufficiale), il pubblico non stravede per lui.

Riuscirà Tony Maiello a vincere X Factor? Vota nel sondaggio il tuo preferito:

image

A.R.A.M. Quartet
Emanuele Dabbono
Giusy Ferreri
Tony Maiello

Dopo il salto guarda tutte le esibizioni di Tony a X Factor

X Factor: undicesima puntata

A.R.A.M. Quartet, Giusy Ferreri, Emanuele Dabbono e Tony Maiello: questi sono i quattro partecipanti di X Factor che tenteranno di vincere l’agognato contratto fra sei giorni. Ebbene sì, ad essere eliminata nella puntata di ieri sera è stata proprio Ilaria Porceddu, una delle voci più amate e apprezzate del programma, che forse non ha convinto a sufficienza con le cover di Torn e Pensiero stupendo. Nella sfida contro Tony (ultimo del televoto nella prima manche), soltanto Morgan ha votato a favore della cantante, mentre sia Simona Ventura che Mara Maionchi gli hanno preferito il giovane partonopeo. Un vero peccato, considerando che soltanto la prossima settimana gli interpreti presenteranno i loro inediti…

Ospite d’eccezione Massimo Ranieri: arrivato a X Factor una settimana dopo la magistrale interpretazione degli A.R.A.M. Quartet della sua Se bruciasse la città, ha cantato sia in apertura (assieme ai ragazzi 20 anni), che a metà programma (assieme a Morgan), rivestendo anche l’ormai classico ruolo di quarto giurato. Nessuna traccia invece di Irene Grandi, annunciata come ulteriore ospite della serata: che presenzi solo alla finale?

Ad una settimana dalla finale, continua il trand positivo degli ascolti: rispetto ai 2.308.000 di spettatori e l’11,73% della puntata scorsa, sono ben 2.663.000 e 13,30%. E il riscontro positivo non si limita ai soli dati positivi: infatti il primo disco dei Cluster, Cement, è arrivato oggi alla prima posizione dei più scaricati su iTunes. Tutti risultati incoraggianti che potrebbero far divenire realtà la seconda edizione del talent: considerato che Magnolia detiene i diritti per l’edizione italiana per ancora due anni e che Morgan ha sentenziato proprio ieri sera che sarà presente pure l’anno prossimo, le premesse ci sono tutte.

X Factor: nona puntata

Son già passati due giorni dall’eliminazione dei SeiOttavi da X Factor, ma solo oggi il loro blog ufficiale (già, tutti i concorrenti e giurati hanno la loro pagina personale sul sito del programma) ha pubblicato il loro ultimo post: curioso il fatto che avessero ripreso a scrivere proprio alla vigilia della loro eliminazione, con un appello per continuare a sostenerli. Evidentemente non sempre la strada del 2.0 paga… Continua invece l’avventura di Emanuele, ancora una volta candidato all’eliminazione, ma salvato da Mara Maionchi (con Morgan e Ventura che hanno deciso di votare contro i propri concorrenti), che ha saggiamento giocato la carta delle cover, dichiarandosi più a proprio agio con le canzoni da lui scritte. Presenza eccezionale di Loredana Bertè, improvvisatasi quarta giurata (e sprecando lodi a tutti), che si è esibita solo a notte fonda, cantando la sua Musica e Parole. Peccato solo per l’ennesimo scivolone di Facchinetti, che stava chiudendo il programma dimenticandosi della povera cantante dietro le quinte in attesa di cantare.
Riguardo agli ascolti, la situazione di sette giorni fa si è invertita: stavolta sono diminuti gli spettatori (2.131.000 contro 2.149.000), ma è aumentato lo share (10,70% contro 9,43%, grazie soprattutto alle tre ore e mezza di diretta).

X Factor: ottava puntata

Finalmente, con l’ottava puntata, sono state ultimate le selezioni di X Factor: ai sette concorrenti rimasti in gara non si aggiungerà infatti più nessuno. Annalisa Baldi è l’eliminata della settimana (arrivata al ballottaggio con Emanuele): penalizzata da qualche problema tecnico, la sua cover di Via è stata in un certo senso premonitrice. Gli ultimi a beneficiare dell’entrata post-inizio sono stati invece i Cluster, promettente gruppo genovese, che hanno battuto al televoto Mattia (grazie al cielo!) e Francesca. Paradossalmente questa nuova entrata potrebbe penalizzare lo stesso Morgan: dalle prime impressioni il gruppo sembra essere a metà tra Aram Quartet e SeiOttavi, “rubando” preferenze ai due vecchi concorrenti. Ospite della serata Giorgia, intervenuta nell’anteprima per la promozione del suo singolo (…) e a metà puntata per un fantastico duetto con Morgan: una collaborazione con i cantanti in gara sarebbe stata perlomeno auspicabile, invece si è preferito limitare l’interazione con i cantanti ad un solo RVM sulla sua “intrusione” nel loft. Vabbè.
Lodevole la decisione di non parlare del presunto amore tra Morgan e Ilaria, accennato negli appuntamenti del daytime: nonostante qualche lite e polemica poco naturale, X Factor continua a parlare sopratutto di musica.
Poco esaltanti gli ascolti: calano sia gli spettatori (2.149.000 contro 2.238.000), che lo share (9,45% contro 9,75%), pessimo risultato sia per RaiDue (ultima rete della serata) che per il talent, visto che difficilmente riuscirà a bissare il grande ospite di ieri sera…