Claudia Mori è contraria ai “cloni”. E’ grave?

xfactor31

Di Claudia Mori si è parlato e sparlato in tutti i modi. E anche su questo blog, che è storicamente (!) avvezzo a parlare di X Factor, le critiche verso la signora Celentano non sono mai mancate, nella (neanche troppo velata) speranza che la produzione cambiasse idea sulla sostituta di Simona Ventura. E invece niente di fatto, Claudia Mori sarà il terzo giudice della terza edizione di X Factor. A confermarlo Sorrisi e Canzoni, in un’intervista quadrupla che si è guadagnata tanto di copertina, in cui la Mori posa per la prima volta assieme agli altri giurati. Tra dichiarazioni esilaranti (“Senza Simona X Factor aumenterà di peso, in tutti i sensi” dice Morgan, senza capire se vuole punzecchiare la nuova venuta o il vecchio giudice), altre decisamente preoccupanti (“il  rischio è di perdere il ritmo perche’ nessuno come Simona è in  grado di capire in un secondo quando serve accelerare e quando  bisogna rallentare” e a dirlo è il “conduttore”, con le virgolette del caso), è sempre la signora Celentano a sorprendere. Stando agli stralci dell’intervista in questione reperiti sul web, Claudia Mori avrebbe commentato:

E’ un talentshow ben fatto. Morgan in particolare mi piace molto. E’ grave? Anche se i giudici fino a ora sono stati perfetti, ho idee diverse circa la valorizzazione di eventuali talenti. Sono contraria ai cloni. Il vero talento è uno stato di unicità e stravaganza che a volte può sfuggire. Sono ipercritica, soprattutto con me stessa, e lo sarò anche con i cantanti in gara”

Niente di strano se non che, a Giugno (ovvero due mesi fa), aveva detto sempre a Sorrisi e Canzoni:

Le ho viste [le vecchie edizioni] e ritengo che sia un talent show ben fatto. Riguardo ai giudici, tutti e tre erano perfetti, anche se io ho altre idee circa la valorizzazione di eventuali talenti. Morgan in particolare mi piace molto. È grave? […] È vero che sono ipercritica, soprattutto con me stessa, e penso che lo sarò anche con i cosiddetti “concorrenti”. Per il loro bene cercherò di essere severa e comprensiva […] Io personalmente sono contraria ai “cloni”: il vero talento è uno stato di unicità, stravaganza che a volte può sfuggire. Non è facile coglierlo.

Notate per caso qualche somiglianza sospetta?

Annunci

Le Del Noce’s Angels si danno alla criminalità. Perlomeno secondo Costanzo.

costanzo

Nonostante se ne sia parlato molto e l’argomento sia piuttosto interessante, non ho mai parlato della tanto discussa maternità di Antonella Clerici e relative conseguenze in casa Rai. Il mio pensiero a riguardo è semplice: la Clerici è alla guida di due programmi prestigiosi e di successo (e ben retribuiti). Non trasformiamola nella vittima di tutte le discriminazione. Non è giusto che sia stata rimpiazzata con una “raccomandata”? Eppure lei stessa  aveva imposto la presenza – ben pagata – del fidanzato nello staff autoriale della Prova del Cuoco. Non è giusto che abbiano scopiazzato il suo Treno dei Desideri per farlo condurre alla Balivo? Forse qualcuno dimentica che anche il programma della Clerici era praticamente identico a Sogni di Raffaella Carrà (in onda un paio d’anni prima). E, se permettete, il rapporto Carrà:Clerici è un tantino diverso da quello Clerici:Balivo. Eppure oggi non volevo parlare di questo, bensì della nuova fatica editoriale di Maurizio Costanzo. Che c’entra Maurizio Costanzo? E’ l’autore di una nuova rubrica di TV Sorrisi e Canzoni, una rubrica in cui Costanzo si improvvisa giallista inventando (e risolvendo) omicidi celebri. Primo della serie è proprio la morte di Antonella Clerici. E indovinate chi sono le assassine? Un gruppetto di volti noti della Prova del Cuoco, capitanate proprio dalla Isoardi e la Balivo. Una critica senz’altro originale, ma che comunque rimane in bilico tra imbarazzo e cattivo gusto. Che Costanzo sia rimasto vittima della sua stessa penna?