Pausini e Ferro, insieme sul Due.

Image and video hosting by TinyPic

Che la musica batte sul due, bè, l’abbiamo capito. E’ più o meno due anni che Facchinetti ci tortura con questa storia e la cosa non è limitata al solo figlio dei Pooh: pure in uno dei contenitori mattutini di Guardì riecheggia questo slogan. Pronunciato nientepopodimeno che da Giancarlo Magalli. *Silenzio* Sapevamo pure che Rai Due sarebbe dovuta essere la rete musicale per eccellenza, ma i fatti hanno sempre smentito questa ambiziosa denominazione: la cessione del brand Top of The Pops (che pare stia per ritornare, però), la chiusura di CD:Live, il fallimento di Scalo 76 in ogni sua forma ed i flop raccolti dai vari eventi monotematici (citofonare Vasco Rossi) hanno reso Rai Due tutto tranne che la risposta generalista ad MTV. Tutto questo per dirvi che, ieri sera, DUE ha segnato un’inversione di tendenza. Tiziano Ferro e Laura Pausini: sono bastati due cantanti tanto nazionalpopolare quanto bravi (perlomeno come interpreti, sul repertorio non mi esprimo) per creare un’atmosfera decisamente convincente: nessun conduttore, pochi tempi morti, performance piuttosto interessanti. Ed il boom di ascolti: 14% di share e 3.603.000 ascoltatori, che per un programma del genere sono tantissimi. Magari parte del merito sarà della martellante campagna pubblicitaria (che ha – finalmente – spinto molto sul fattore “evento”), magari della coppia affiatata di cantanti (difficile poter proporre un’accoppiata altrettanto forte), ma ogni tanto è bello vedere che anche in Italia si può fare qualcosa che vada al di là di San Remo (e che non sia un format importato dall’Olanda).

Annunci

2008 D.C.

2008

Anno nuovo, tempo di bilanci e amarcord sui 366 giorni appena passati. E che anno il 2008. E’ stato l’anno dei comeback, il ritorno del sintetizzatore di Britney Spears, lo scongelamento dei Bluvertigo, i nuovi album di Tiziano Ferro (di cui sto rivalutando tutta la discografia, segno che sto proprio male) e Baustelle. E, sempre musicalmente, è stato l’anno di X Factor, del successo di Giusy Ferreri, del flop di Sanremo 2008 e le polemiche di Sanremo 2009: dal parto di Thomas Batie e la vittoria di Luxuria all’Isola dei Famosi alla redenzione omosessuale di Povia. Fortunatamente lo Spettacolo del duemilaotto non ha partorito solo morti di fama (come il neo sposo Clemente Russo o la “provocatoria” Raffaella Fico), ma pure le seconde stagioni di Heroes e Ugly Betty, l’atteso Saint Seya Hades e lo spettacolo delle olimpiadi. Tutti contro il web: Mediaset contro YouTube, Ruggeri contro internet, magistratura contro The Pirate Bay. Nel mondo reale invece si sono decise le sorti degli Stati Uniti tra Obama e McCain (ma pure Hillary Clinton) e dell’Italia (sic) con le elezioni di Aprile: in quest’ultimo caso, decisamente più soddisfacenti i risultati degli WordPress Blog Award. Infine il 2008 è stato l’anno di WiiFit, del Cavaliere Oscuro, del gattino Virgola e dell‘iPhone; tra i nuovi nati di casa Apple però la vera sorpresa è stato l’iPod Nano 4G, regalo natalizio del sottoscritto, che si affianca agli insostituibili Nokia N73 e Acer Aspire 5715z. Mica male, no? 😉

Tiziano Ferro, Alla mia età e la pseudorecensione

tizianoferro

Il nuovo album di Tiziano Ferro è atipico. Decisamente atipico. Da qualche giorno è in rotazione continua su iTunes e sul fido mp3, ma stento ancora a capirlo, a trovargli un senso globale: dovrebbe essere il disco della maturità, quella in cui prevale il Tiziano cantautore e non solo interprete, quello in cui si mette a nudo e abbandona i ritmi del passato. Poi però inanella una serie impressionanti di collaborazioni (Ivano Fossati, Franco Battiato, Laura Pausini, Kelly Rowland) e piazza un paio di pezzi sullo stile r&b del passato apparantemente slegati dal resto dell’album. Nel complesso godibile, pure un po’ maturo, ma niente capolavoro. Continua a leggere

Alla mia età, torna Tiziano Ferro

Toh, chi si rivede: il 7 Novembre uscirà il nuovo album di Tiziano Ferro. Già a Maggio erano trapelate informazioni sulle iniziali del titolo (A.M.E.) e infatti il nuovo lavoro si chiamerà Alla mia età, come il singolo di lancio, la cui anteprima di 30 secondi è stata pubblicata ieri sera sulla Rete, ma prontamente cancellata.
Questa la tracklist completa:

1 La tua vita non passerà 2 Alla mia età 3 Il sole esiste per tutti 4 Indietro 5 Il regalo più grande 6 Il tempo stesso 7 La paura non esiste 8 La traversata dell’estate 9 Scivoli di nuovo 10 Assurdo pensare 11 Per un po’ sparirò 12 Fotografie della tua assenza

A me Ferro non è mai dispiaciuto: magari a volte è un po’ troppo commerciale, però qualche bella canzone l’ha fatta. E il disco potrebbe essere interessante.

X Factor: stasera dodicesima e ultima puntata

Inutile dirlo, X Factor ha fatto breccia nel cuore del sottoscritto e, di conseguenza, del blog. Ben 17 post relativi al programma, oltre 1.200 contatti al solo post X Factor e le (presunte) irregolarità di Ilaria, Silvia e Giusy, nonchè l’ottimo riscontro del sondaggio per il sondaggio sul vostro vincitore di questa edizione: al momento stanno dominando gli A.R.A.M. Quartet, ma soltanto stasera (o meglio domani mattina) sapremo chi sarà davvero a vincere l’agognato contratto da 300.000€ con Sony BMG. La serata sarà probabilmente strutturata in tre manche, in cui ogni concorrente canterà una nuova cover, un vecchio cavallo di battaglia e l’atteso inedito. Ad intramezzare le esibizioni ci sarà l’ospite della serata, Irene Grandi (prevedibilmente spostata dalla passata settimana ad oggi), nonché il ritorno dei migliori talenti incompresi di questa edizione (speriamo con Maura Petrarca e la sua Marta la Cornacchia). Tutti i risultati saranno in mano del televoto e la vittoria finale non sarà influenzata dal voto dei giudici: favoritissimi dunque gli ARAM Quartet e Giusy, gli unici a non essere mai andati in ballottaggio.

Riguardo agli inediti (di cui ho già parzialmente parlato nelle schede dei finalisti), gli autori di X Factor non si sono certo risparmiati. A firmare Non ti scorderai mai di me di Giusy, è arrivato Tiziano Ferro con il giovane Roberto Casalino, mentre Tony canterà Mi togli il respiro di Antonio Galbati e Saverio Grandi, penne tra l’altro di Pausini, Ramazzotti, Rossi, Raf, Morandi, Carboni e Stadio; giocano invece in casa Emanuele, autore della sua Ci troveranno qui, e gli A.R.A.M. Quartet, che si sono affidati al coach Gaudi e al caposquadra Morgan per Chi (Who).

Parteciperanno alla serata anche Daniele Bossari (che di X Factor si è occupato a Scalo76), Nicola Savino (mattatore di Scorie, subito dopo l’appuntamento settimanale) e soprattutto Elio (dopo la straordinaria partecipazione di qualche settimana fa).

Domani un po’ di commenti (magari anche in diretta via Twitter), qualche immancabile polemica e spero un resoconto sugli ascolti. Buona finale! 😉

image

A.R.A.M. Quartet
Emanuele Dabbono
Giusy Ferreri
Tony Maiello